info@pjpharma.it Numero Verde: 800 912 951
Orari di apertura e chiusura: Lun - Ven: 8.30 - 18:00
Vitiligine: un approccio nutrizionale per prevenzione e terapia.

Vitiligine: Approccio nutrizionale per prevenzione e terapia.

Se hai letto questa notizia ti potrebbe interessare

La vitiligine, un disordine della pigmentazione cutanea, fa parte del vasto gruppo delle patologie autoimmuni, malattie per le quali la strategia nutrizionale è presa sempre più in considerazione dalla ricerca scientifica.

Accanto a studi di valutazione sul ruolo della dieta nella prevenzione o gestione dei pazienti affetti da vitiligine, si moltiplicano pubblicazioni cartacee e web.

In molte di queste, vengono consigliati integratori e abitudini alimentari privi di qualunque logica oltre che fondamento scientifico.

Il lavoro appena pubblicato su Dermatologic clinics si prefigge di fare ordine e discriminare tra le informazioni già raccolte in ambito accademico.

La maggior parte degli integratori è utile associata alla terapia farmacologica grazie all’attività antiossidante e immunomodulante.

E’ il caso di vitamina B12 e acido folico che hanno dimostrato di favorire la ripigmentazione sia da soli sia associati alla fototerapia, o dello zinco che offre un leggero vantaggio quando combinato con steroidi topici.

Gli studi su animali suggeriscono inoltre che molti di questi supplementi possono avere qualche efficacia come monoterapia.

Ne è un esempio il tè verde, in cui L’Egcg riduce l’infiammazione e la formazione di immunocomplessi.

Anche la piperina, il principale alcaloide del pepe nero, ha già dimostrato di stimolare la replicazione dei melanociti quando non vi è esposizione alle radiazioni UV e ha mostrato potenzialità in modelli animali con vitiligine.

Il lavoro prende in esame oltre 10 composti i cui studi sono promettenti e meritano un ulteriore approfondimento sotto forma di studi clinici, ben progettati e grandi.

Grimes PE, Nashawati R. Dermatol Clin. 2017 Apr; 35(2):235-243.