info@pjpharma.it Numero Verde: 800 912 951
Orari di apertura e chiusura: Lun - Ven: 8.30 - 18:00
Acido Folico: meno rischi di ipertensione nella prole

Acido Folico: elevati livelli in gravidanza aiutano a ridurre il rischio di ipertensione nella prole

Se hai letto questa notizia ti potrebbe interessare:
Uno studio pubblicato sull’American Journal of Hypertension rileva che i bambini nati da madri con fattori di rischio cardiometabolico avevano meno probabilità di sviluppare ipertensione se le madri durante la gestazione avevano elevati livelli di folati

«Precedenti ricerche hanno dimostrato che i fattori di rischio cardiometabolico materni durante la gravidanza, tra cui disturbi ipertensivi, diabete e obesità, sono associati con una maggiore incidenza di ipertensione nella prole» esordisce Xiaobin Wang della Johns Hopkins University Bloomberg School of Public Health a Baltimora.
Insieme ai colleghi ha seguito 1.290 coppie madre-figlio dal momento della nascita fino all’età di 9 anni dal 2003 al 2014.
Tra le madri, il 38,2% aveva una o più fattori di rischio cardiometabolico, il 14,6% aveva disturbi ipertensivi, l’11,1% aveva il diabete e il 25,1% aveva un’obesità pre-gravidica.
Inoltre, il 28,7% dei bambini nati dalle partecipanti allo studio ha sviluppato ipertensione sistolica fra i 3 e i 9 anni. «I figli ipertesi avevano maggiori probabilità di avere madri obese, ipertese e diabetiche» scrivono i ricercatori.
Essi infatti fatti hanno scoperto che elevati livelli di acido folico materno possono aiutare a contrastare l’influenza negativa dei fattori di rischio cardiometabolico materni, in termini di pressione arteriosa sistolica della prole.
Questo avviene anche se i livelli di acido folico materni da soli non sono direttamente associati alle variazioni pressorie dei bambini.
Tuttavia, tra i nati da madri con un qualsiasi fattore di rischio cardiometabolico, quelli le cui madri avevano livelli di acido folico sopra la media avevano probabilità inferiore del 40% di avere ipertensione sistolica nell’infanzia.
«Questi risultati supportano l’ipotesi che la valutazione del rischio precoce prima del concepimento e durante la gravidanza possa portare a nuovi modi per prevenire l’ipertensione e le sue conseguenze nell’arco della vita» conclude Wang.

Am J Hypertens 2017. Doi: 10.1093/ajh/hpx003 https://academic.oup.com/ajh/article/doi/10.1093/ajh/hpx003/2982833/Association-of-Maternal-Plasma-Folate-and